Vai a sottomenu e altri contenuti

Nascita - dichiarazione

Le nascite avvenute sul territorio italiano devono essere registrate all'Ufficio di Stato Civile, il quale provvede a trasmettere la comunicazione al Comune di residenza dei genitori, o in caso di residenze diverse, a quello della madre.

La dichiarazione è l'adempimento che prelude alla formazione dell'atto per l'iscrizione della nascita nel registro di stato civile. Nella dichiarazione deve essere indicato il nome scelto per il nascituro. Con la registrazione della nascita l'individuo assume la propria identità personale, ed acquista la capacità di essere titolare attivo e passivo di diritti.

Per i genitori uniti in matrimonio la dichiarazione di nascita può essere resa da:

  • uno dei due genitori o entrambi
  • un loro procuratore speciale
  • medico/ostetrica che ha assistito al parto
  • persona che ha assistito al parto

Per i genitori non uniti in matrimonio la dichiarazione di nascita può essere resa da:

  • la sola madre che intende riconoscere il figlio
  • il padre e la madre congiuntamente, se intendono riconoscere entrambi il figlio
  • il solo padre se la madre non intende essere nominata

La donna che decide di non essere nominata come madre del neonato, deve manifestare la sua volontà all'Ostetrica che le presta assistenza medica, oppure, prima del parto, deve riferire la sua scelta all'Assistente Sociale della Clinica Ostetrica. La donna, così facendo, non compie un reato ma, al contrario, tutela il neonato e se stessa.

Nota bene: il figlio naturale può essere riconosciuto dai propri genitori, anche se già uniti in matrimonio con altra persona all'epoca del concepimento.

Per la denuncia di nascita non sono necessari testimoni.

Requisiti

Quando fare la dichiarazione - entro 10 giorni dalla nascita se viene resa all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di nascita o di residenza - entro 3 giorni dalla nascita se viene resa presso la Direzione Sanitaria dell'Ospedale o della Casa di Cura in cui è avvenuta la nascita. Nota bene: se la dichiarazione è fatta dopo più di dieci giorni dalla nascita, l’Ufficiale dello Stato Civile può riceverla solo se vengono espressamente indicate le ragioni del ritardo; del ritardo viene in ogni caso data segnalazione al Procuratore della Repubblica. Sedi dove poter fare la dichiarazione: - Direzione sanitaria dell'ospedale o della casa di cura dove è avvenuta il parto - Comune dove è avvenuto il parto - Comune di residenza dei genitori - Comune di residenza della madre, se il padre risiede in altro Comune - Comune di residenza del padre, previo accordo con la madre, residente in altro Comune, in questo caso l'iscrizione anagrafica del neonato sarà comunque nel Comune di residenza della madre

Costi

-

Normativa

Codice Civile art. 231 e segg.

D.P.R. n. 396 del 3 novembre 2000 - Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello Stato Civile, a norma dell'art. 2 c. 2 legge 127 del 15 maggio 1997

Legge n. 218 31 maggio 1995 - Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato

D.P.R. n. 223 del 30 maggio 1989 - Nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente

D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 - Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa'' art.16

Corte Costituzionale sentenza 6 febbraio 2006 n. 61

Documenti da presentare

  • attestazione di nascita, rilasciata dal medico o dall'ostetrica che ha assistito al parto;
  • documento di riconoscimento valido del/dei dichiarante/i (per gli stranieri passaporto/documento per l'espatrio rilasciato dal paese di appartenenza).

Incaricato

Paolo Foddis

Tempi complessivi

In tempo reale.

Note

E' garantita alle donne che lo desiderino, la possibilità di partorire nelle strutture sanitarie pubbliche mantenendo l'anonimato, e senza quindi alcun obbligo di riconoscimento del figlio.
In questo caso la dichiarazione di nascita è effettuata dal medico/ostetrica che hanno assistito al parto rispettando la volontà della madre di non essere nominata ed il neonato verrà affidato ai servizi sociali per essere avviato all'adozione.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTESTAZIONE DI NASCITA Formato pdf 17 kb
ATTESTAZIONE DI NASCITA Formato pdf 19 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto